$TitoloHead.getData()
Articoli correlati
LE IMPOSTE AGEVOLATE SUI RENDIMENTI
Le forme pensionistiche offrono diversi vantaggi: generano rendimenti finanziari tassati in forma agevolata e sono esenti da imposta di bollo
LE ANTICIPAZIONI E I RISCATTI
In casi particolari è prevista la possibilità di richiedere, prima del pensionamento, una parte del patrimonio accumulato in una forma pensionistica.
IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE RENDITE E DEL CAPITALE
La tassazione applicata alle rendite e al capitale delle forme pensionistiche complementari
LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LA PREVIDENZA INTEGRATIVA
Lo Stato, per aiutare coloro che decidono di costruirsi una pensione integrativa destinata ad integrare quella pubblica obbligatoria, ha introdotto una serie di agevolazioni fiscali.

LA DEDUCIBILITÀ DEI CONTRIBUTI VERSATI

La contribuzione a una forma pensionistica, cioè quanto e come versare, può avvenire attraverso contributi propri, contributi versati dal datore di lavoro e con il versamento del TFR.

I contributi versati sono deducibili dal reddito dichiarato: riducono, quindi, il reddito imponibile e danno origine ad un risparmio sotto forma di minori imposte IRPEF.

L'entità del risparmio è variabile, dipende dall'aliquota massima che il singolo investitore paga sui propri redditi.
È possibile dedurre i contributi versati direttamente; i lavoratori dipendenti privati possono dedurre anche i contributi eventualmente versati dal datore di lavoro.


Se i contributi versati non vengono dedotti dal reddito, è importante comunicare entro il 31 dicembre dell'anno successivo al versamento, all'Ente che gestisce la forma pensionistica, la cifra esatta non dedotta.

Infatti la quota di rendita pensionistica, o di capitale in alternativa, che deriva dai contributi non dedotti è esente da imposte. Se, invece, i contributi non dedotti non vengono comunicati, si pagheranno le imposte anche su quelle quote.

 

LE REGOLE PER DEDURRE I CONTRIBUTI

  • Si può dedurre al massimo € 5.164,57 all'anno; entro questo limite rientrano tutti i contributi sia personali sia a carico del datore di lavoro.
  • Il reddito da cui dedurre i contributi può essere di qualsiasi tipo (dipendente, autonomo, d'impresa, ecc.).
  • Non è obbligatorio versare anche il TFR. Se lo si fa, il TFR non rientra comunque nel limite massimo di deducibilità.
  • È possibile dedurre anche i versamenti effettuati a favore di un proprio familiare "fiscalmente a carico". Infatti, se il familiare a carico non può dedurre per intero i contributi versati, la parte di contributo che rimane può essere dedotta da chi lo ha a carico e ha effettuato il versamento.

La deducibilità dei contributi versati nelle forme pensionistiche

Per saperne di più sulle regole attualmente in vigore attualmente per i "Nuovi Iscritti":