$TitoloHead.getData()
Articoli correlati
LA DEDUCIBILITÀ DEI CONTRIBUTI VERSATI
I contributi versati sono deducibili dal reddito dichiarato, riducono il reddito imponibile e danno origine ad un risparmio sotto forma di minori imposte IRPEF.
LE ANTICIPAZIONI E I RISCATTI
In casi particolari è prevista la possibilità di richiedere, prima del pensionamento, una parte del patrimonio accumulato in una forma pensionistica.
IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE RENDITE E DEL CAPITALE
La tassazione applicata alle rendite e al capitale delle forme pensionistiche complementari
LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LA PREVIDENZA INTEGRATIVA
Lo Stato, per aiutare coloro che decidono di costruirsi una pensione integrativa destinata ad integrare quella pubblica obbligatoria, ha introdotto una serie di agevolazioni fiscali.

LE IMPOSTE AGEVOLATE SUI RENDIMENTI

I contributi versati, al netto di eventuali costi in fase di accumulo, vengono investiti nel patrimonio della forma pensionistica scelta per costruire la propria pensione; il patrimonio viene gestito e produce dei rendimenti che si vanno a sommare ai contributi versati.

I rendimenti finanziari generati da qualsiasi investimento sono tassati in misura differente a seconda del tipo di prodotto in cui si investe.

Per quanto riguarda le forme pensionistiche, i rendimenti sono soggetti ad una imposta agevolata rispetto a tutte le altre forme di investimento.

Imposte agevolate rendimenti forme pensionistiche

Dal 2015, i rendimenti maturati nel corso di un anno dalle forme pensionistiche sono tassati con un'imposta sostitutiva del 20%, ma con una particolare agevolazione: l'imposta del 20% infatti si applica solo sul 62,5% del rendimento che deriva dall'investimento in Titoli di Stato o titoli simili.

In altre parole: i rendimenti della previdenza integrativa sono tassati con un'aliquota che varia tra il 12,5 e il 20% a seconda del tipo di titoli in cui investe il fondo: più il fondo è prudente e più è alta la presenza di Titoli di Stato, più l'aliquota si avvicina al 12,5%.

 

ALTRI VANTAGGI FISCALI

Oltre all'imposta sui rendimenti, le forme pensionistiche offrono un altro importante vantaggio per tutta la durata della fase di accumulazione del capitale: sono esenti dall'imposta di bollo.

Tutti gli altri prodotti d'investimento, escluse le polizze Vita Tradizionali di Ramo I, sono infatti soggetti ad un'imposta di bollo annua proporzionale al capitale: al 31 dicembre di ogni anno viene addebitata un'imposta che, dal 2014, è pari allo 0,20% del capitale maturato.

 

Per saperne di più sulle regole attualmente in vigore attualmente per i "Nuovi Iscritti":