Utile per te
Articoli correlati
LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LA PREVIDENZA INTEGRATIVA
Lo Stato, per aiutare coloro che decidono di costruirsi una pensione integrativa destinata ad integrare quella pubblica obbligatoria, ha introdotto una serie di agevolazioni fiscali.
LA PENSIONE INTEGRATIVA: PERCHÈ CONVIENE
Alla previdenza pubblica è stata affiancata la previdenza integrativa perché per effetto delle riforme pensionistiche introdotte negli ultimi anni le future pensioni saranno via via più basse dell'ultima retribuzione percepita

LA DESTINAZIONE DEL TFR

I lavoratori dipendenti del settore privato possono scegliere tra due opzioni di destinazione del loro TFR maturando (ossia quello futuro):


1. Lasciarlo sotto forma di liquidazione in Azienda (o presso il Fondo di Tesoreria gestito dall’INPS per i dipendenti di aziende con almeno 50 dipendenti);


2. Versarlo ad un fondo pensione.
 

Le cose da sapere sul TFR

Cos'è il TFR

Il TFR o liquidazione è una somma calcolata annualmente sulla retribuzione lorda di ciascun dipendente e accantonata dal datore di lavoro.

Il TFR corrisponde a circa una mensilità dello stipendio ed è pari al 6,91% della retribuzione lorda annua. Ad esempio, su una retribuzione annua lorda di  € 25.000, la quota annua del TFR è di ca. € 1.750.

Quanto viene tassato il TFR

C’è un diverso trattamento fiscale, a seconda della scelta di destinazione del TFR, che privilegia il versamento ad un Fondo Pensione:

  • TFR in Azienda: non viene tassato subito, ma quando il lavoratore lo riceverà come liquidazione al termine del rapporto di lavoro. Sarà sottoposto a tassazione separata ad aliquota media degli ultimi 5 anni: la tassazione minima sarà del 23%.
     
  • TFR nel Fondo Pensione: non viene tassato subito, ma quando il lavoratore lo riceverà come prestazione (rendita pensionistica o, nei limiti previsti, capitale). La tassazione varia da un massimo del 15% a un minimo del 9% (in base al numero di anni di iscrizione alla previdenza integrativa).

Quando si può disporre del proprio TFR

A seconda della scelta, il lavoratore può avere il TFR:

  • in Azienda: al termine del rapporto di lavoro o come anticipazione nei casi previsti.
  • nel Fondo Pensione: al pensionamento o nei casi previsti dalla normativa (leggi l'articolo sulle anticipazioni e i riscatti)

Quanto rende il TFR

Il  rendimento del TFR in:

  • Azienda è pari al tasso costituito dall' 1,5% fisso + il 75% dell'inflazione annua.
  • Fondo Pensione  Per chi ha aderito ai fondi pensione, invece, si rivaluta in base ai risultati della gestione finanziaria in cui si è scelto di investire i propri versamenti.