Utile per te
Articoli correlati
L'IMPOSTA SUI RENDIMENTI PER I PRODOTTI ASSICURATIVI
La tassazione dei rendimenti generati dagli investimenti, compresi quelli assicurativi, varia in base alla natura dell'investimento scelto.

LA "PRESCRIZIONE" DELLE POLIZZE VITA

Le polizze vita prevedono una “prestazione” come ad esempio il pagamento di un capitale o di una rendita quando si verifica un certo “evento”.


Gli eventi sono indicati nelle condizioni di polizza e sono:

  • Il decesso dell’assicurato
  • La scadenza della polizza
  • Pagamenti periodici (“cedole” pagate in corso di contratto o “rendite”).

e obbligano la Compagnia a erogare la prestazione stabilita al Beneficiario.

Quando si verifica uno di questi eventi, il Beneficiario ha un periodo di tempo a disposizione, definito dalla legge e non derogabile, per richiedere la prestazione: quando scade questo periodo di tempo interviene, la prescrizione.


Il termine di prescrizione è attualmente di 10 anni e decorre dal giorno in cui si è verificato l’evento che ha determinato il diritto a chiedere la prestazione.
L'invio della richiesta del pagamento alla Compagnia interrompe il termine di prescrizione e, per effetto dell’interruzione, inizia a decorrere un nuovo periodo di 10 anni.


L’art. 2952 del codice civile prevedeva un termine di prescrizione di 1 anno.
Con l’entrata in vigore della Legge 166 del 27 ottobre 2008, tale termine è stato esteso a due anni ed è stato ulteriormente innalzato a 10 anni per i soli contratti di assicurazione sulla vita (art. 22 comma 14 della Legge 221 del 17 dicembre 2012).


Per effetto dell’ultima modifica legislativa i termini di prescrizione sono:

  • Eventi avvenuti fino al 27/10/2007: termine di prescrizione 1 anno
  • Eventi avvenuti dal 28/10/2007 e fino al 19/10/2010: termine di prescrizione 2 anni
  • Eventi avvenuti dal 20/10/2010: termine di prescrizione 10 anni

Una volta decorso il termine di prescrizione, le Compagnie di Assicurazione sono obbligate a versare le somme non riscosse dai Beneficiari al Fondo costituito presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze, destinato a risarcire i risparmiatori vittime di frodi finanziarie.


Questo obbligo, tuttavia, non è previsto per gli eventi avvenuti fino al 27/10/2007.


In questi casi, anche se è decorso il termine di prescrizione, la Compagnia procede in ogni caso a pagare la prestazione a favore dei Beneficiari che ne facciano specifica richiesta.